L'importanza strategica dell'e-commerce per le PMI

Argomenti, Tecnologia e SEO, Web e Marketing 2.0 0 11

Le micro(1-10 addetti) e piccole(11-50 addetti) imprese italiane utilizzano sempre di più Internet per vendere i propri prodotti e servizi. Il 94% delle piccole imprese prese come campione della ricerca Epson sul Micro-Business presentata  il 16 febbraio scorso a Milano, dichiara di utilizzare l’e-commerce per concludere transazioni con i propri clienti, mentre l’89% lo utilizza anche per fare acquisti.

Epson ha riscontrato, quindi, una forte crescita nell’utilizzo del web da parte delle PMI e prevede un’ulteriore diffusione della pratica.

A confermare l’importanza dello sviluppo siti e-commerce sono gli ultimi dati emersi dai protagonisti della settima edizione del Netcomm eCommerce Forum 2012 tenutosi di recente a Milano.
Il commercio elettronico, in Italia e in Europa in particolare, non teme la crisi e il fatturato cresce in maniera costante assieme all’export. Secondo le stime emerse durante il Forum, gli utenti attivi online da aprile 2011 sono aumentati dell’11% raggiungendo i 12 milioni  nei primi tre mesi del 2012. Il fatturato 2012, pertanto, cresce lievemente mantenendosi intorno al 18% con previsioni di scenario intorno ai 9,5 miliardi di euro.

I settori più in salute dell’e-commerce in Italia sono turismo e abbigliamento, rispettivamente con il 55% e il 33% dell’export, in crescita del 21%, in previsione di un giro di affari a fine 2012 di circa 1,6 miliardi di euro.

Fonte: e-Commerce NETCOMM FORUM 2012

L’e-commerce è utilizzato dagli imprenditori soprattutto per mantenere stabili le entrate, per un quarto dell’imprese rappresenta uno strumento utile nella battaglia per la sopravvivenza. Lo scopo di ampliamento del business è molto più limitato, solo il 4% delle aziende dichiara di adottare una strategia di crescita aggressiva in rete.

I piccoli imprenditori italiani sono coscienti di queste opportunità e considerano l’acquisizione di nuovi clienti e la fidelizzazione di quelli attuali  un fattore critico di distinzione competitiva. Il web è, in ogni caso, sempre più frequentemente al centro delle strategie delle PMI italiane che, spinte dalla necessità, sono disponibili a sperimentare nuove pratiche imprenditoriali.

Il valore aggiunto di un sito e-commerce è quello di essere uno strumento particolarmente adatto per fidelizzare i clienti e per conquistarne di nuovi sostenendo dei costi notevolmente più contenuti rispetto agli strumenti tradizionali.
Amalizziamo in dettaglio i vantaggi di operare sul mercato con un e-commerce rispetto al commercio tradizionale. Partiamo citando le origini dell’e-commerce (Commercio Elettronico).

Nel 1994, a soli tre anni dall’apertura di internet alle attività commerciali, Pizza Hut aprì il suo primo negozio in linea. Nello stesso anno, Netscape introdusse la crittatura SSL per il trasferimento dei dati in rete, divenuta essenziale per gli acquisti online. Nel 1994 la compagnia tedesca Intershop introdusse il suo primo sistema di acquisti in linea, seguita nel 1995 dal lancio del sito di Amazon e nel 1996 dalla nascita di eBay.

Fonte Wikipedia

Dal 1994 al 2012 gli strumenti per la costruzione e soprattutto per l’Amministrazione&Vendita di un e-commerce  si sono evoluti, rendendo maggiormente user-friendly il suo utilizzo da parte delle imprese.

  • Facilità di inserimento dei prodotti.
  • Facilità nella personalizzazione di set opzionali per singolo prodotto.
  • Categorizzazione dei prodotti in vendita, promozioni, articoli scontati, ecc..
  • Motore di ricerca interno per trovare subito il prodotto desiderato.
  • Funzionale gestione delle spese di spedizione a Zone di apparteneza (sia per l’Italia che all’Estero).
  • Coupon per sconti da comunicare ai clienti affiliati.
  • Presa visione immediata delle statistiche di vendita del negozio virtuale.
  • Svariati sistemi di pagamento (Bonifico Bancario, Carte di Credito, Paypal, ecc..).

Tutte queste possibilità (..e molte altre ancora) permettono alle imprese che usufruiscono dell’e-commerce di essere presenti sul mercato 24h su 24h, aumentando i propri confini di vendita sul territorio nazionale ed oltre.

Il miglior consiglio per una azienda/impresa per chi vuole intraprendere l’apertura nel proprio negozio virtuale ed entrare nel mondo del commercio elettronico è: affidarsi a una agenzia di comunicazione web che abbia già vasta esperienza nel settore. Non è sufficiente aprire il proprio e-commerce (per quanto sia ben predisposto), ma è necessario pubblicizzare la propria attività tramite il canale dei motori di ricerca (utilizzo di strumenti SEO per il posizionamento sui motori di ricerca, es. Google o altri) tramite i social network e il web marketing. Successivamente puntare sulla fidelizzazione dei clienti tramite Newsletter, buoni sconto, customer satisfaction (soddisfazione della clientela).

 

 

About the author / 

TriesteOggi

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime Comunicazioni

Categorie

Archivi

Previsioni Meteo